user_mobilelogo
user_mobilesplash

pulsante osservatorio nazionale

vein expert

pulsante veingogh

 

Fissa Appuntamento

News-button

Brochure sulle vene varicose

Di seguito pubblicheremo i nostri lavori scientifici sulla CCSVI e sul suo trattamento con angioplastica correttiva.
Mostreremo anche dei casi di trattamento.

Paziente di 38 anni affetta da Sclerosi Multipla Recidivante Remittente da 6 anni

Flebografia diagnostica:
L'esame flebografico della giugulare sinistra  mostra un stenosi serrata in sede ostiale con l'apertura di numerosi shunts come meccanismi di compenso.

Trattamento con Angioplastica Correttiva con pallone ad alta pressione 18x40

controllo flebograficoControllo flebografico post-PTA
Dopo il trattamento con angioplastica dilatativa con pallone ad alta pressione la giugulare sinistra mostra calibro notevolmente aumentato con la scomparsa degli shunts vicarianti, segno della ripresa del flusso nella giugulare.
Il controllo eco-color-doppler non mostra ematoma di parete né trombosi.
La paziente migliora la sua sintomatologia.

 

 Trattamento paziente affetta da sclerosi multipla operata di CCSVI lpv post  

Il secondo caso è quello di un paziente di 51 anni affetto da Sclerosi Multipla Secondaria Progressiva da oltre 20 anni.

Flebografia diagnostica:
L'esame flebografico mette in evidenza una stenosi serrata in regione ostiale (già evidenziata con esame ecocolordoppler).
Si può ben notare come il mezzo di contrasto ,una volta iniettato, non scende verso il cuore ma sale su verso il cervello a causa della diminuzione di calibro della giugulare.
Sono altresì visibili shunts di compenso. Il paziente verrà trattato con PTA con pallone alìd alta pressione 18x40.

Trattamento CCSVI in paziente affetto da sclerosi multipla PTA GP pre

Trattamento con Angioplastica Correttiva con pallone ad alta pressione 18x40

secondo casoControllo flebografico post-PTA
In sede ostiale, dopo il trattamento con angiopalstica dilatativa con pallone ad alta pressione 18x40, si evidenzia un buon risultato con l'aumento del calibro della giugulare e il miglior deflusso di mezzo di contrasto. Il doppler post PTA non ha evidenziato né ematoma di parete né trombosi e gli shunts ancora ben visibili si ridurranno ai controlli successivi (indice di una maggiore portata della giugulare trattata).
Il paziente ha trovato notevoli giovamenti e la sua testimonianza è stata pubblicata sul nostro sito

Trattamento CCSVI in paziente affetto da sclerosi multipla GP post PTA

Flebografia della giugulare destra in paziente affetta da CCSVI con ipertrofia del muscolo omoioideo.

Prima Convention della Società Italiana di Flebologia Clinica e Sperimentale: il dottor Gargano presenta i suoi risultati e spiega il protocollo che utilizza. La PTA venosa è sicura in mani esperte.